TURISMO: lettera aperta all’Amministrazione Comunale di Santarcangelo

TURISMO: lettera aperta all’Amministrazione Comunale di Santarcangelo
ottobre 15 22:59 2016 Stampa articolo

Oltre agli Amministratori Comunali, mi rivolgo soprattutto all’Assessore al Turismo Paola Donini che ritengo uno dei più attivi e propositivi assessori al Turismo negli ultimi vent’anni di Santarcangelo.

Ha dalla sua oltre il dinamismo e capacità, quella di essere imprenditrice, così arriva prima a conoscere e di conseguenza tracciare le linee ed esigenze turistiche del territorio.

In questi due anni il suo Assessorato ha creato iniziative di vario genere soprattutto il marketing promozionale oltre un brand a Santarcangelo, ma questo non è sufficiente perché Santarcangelo non può muoversi a livello turistico solo con le sue peculiarità ma serve fare rete con le altre realtà della Valle del Marecchia.

Quell’idea della Fiera di S.Michele come fiera di vallata è già un primo passo divulgativo dedicato alla promozione turistica del territorio Valle del Marecchia, ma Santarcangelo deve essere trainante e qui la Sig.ra Paola Donini deve fare lo sforzo maggiore coinvolgendo tutti i Comuni, le Pro Loco, gli imprenditori e le loro associazioni di categoria dell’artigianato, del commercio e dei servizi.

Serve anche una crescita imprenditoriale e la collaborazione tra imprese affrontando con percorsi formativi nell’innovazione come nel marketing, la cultura e reti d’impresa, la comunicazione e la digitalizzazione per diffondere fra gli operatori la percezione che il turismo può diventare parte integrante ed importante della filiera produttiva esistente.

A questi obiettivi si raggiungono anche coinvolgendo i residenti, incrementando la consapevolezza di avere un territorio che può e deve dare benessere da un lato con il suo patrimonio storico, culturale, artistico, enogastronomico, naturalistico e dall’altro proponendo eccellenze locali in chiave esperienziale, valorizzando itinerari quale mezzo per la scoperta del territorio sia come simbolo e per rafforzare l’identità.

Ci sono realtà nel territorio della Valle Marecchia di rara bellezza e fascino, conosciute a pochi, dove purtroppo lo spopolamento e l’impoverimento di alcune aree hanno indebolito i tradizionali presidi territoriali, con un continuo smantellamento dei servizi (trasporti, uffici postali, scuole, farmacie, ecc.) andando a minare le primarie condizioni di vivibilità essenziali.

Mantenere il presidio del territorio dando nuova vitalità e sostenibilità economica con il turismo, muoverà tutte quelle leve sopratutte agricole che oltre a dare reddito sono importanti a mantenere un territorio integro che altrimenti sarebbe a rischio frane.

Per concludere pensare a un brand della Valle Marecchia da spendere a livello nazionale ed internazionale sarebbe già il primo passo per unire sotto questo simbolo la varie realtà peculiarità della Valle Marecchia.

Forza Assessore sarà dura ma provaci.

Piero Ricci

Vedi più

Articoli Autore

La Redazione
La Redazione

Vedi più articoli
Scrivi commento

0 Comments

Nessun commentro trovato

Commenta per primo.

Aggiungi commento

I vostri dati non verranno condivisi L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi .
Tutti i campi sono obbligatori.