Santarcangelo e la sua Rocca Malatestiana

Santarcangelo e la sua Rocca Malatestiana
settembre 18 09:46 2015 Stampa articolo

Ci siamo chiesti più volte cosa e come sarebbe Santarcangelo senza la sua Rocca Malatestiana.

Questa Rocca che troneggia dal colle di Giove su tutta la vallata e’, per chi arriva o transita in treno o autostrada, la prima cosa che balza all’occhio con la sua maestosità e bellezza.

Dobbiamo essere grati alla proprietà, la principessa Marina Colonna di Paliano appartenente a una delle famiglie più antiche e nobili d’Italia, per il restauro e conservazione di questa rara bellezza con continui interventi di manutenzione.

Questo presidio medievale è circondato dalla sua tipica struttura di borgo fortificato, con la sua imponente Rocca rimaneggiata da Sigismondo Pandolfo Malatesta che fu attento a proteggerla dagli assedi, ma anche a farne un luogo di grande prestigio.

È al 1386 che risale il maschio dell’attuale castello, quando cioè Carlo Malatesta fece costruire la torre fortificata quadrangolare: questa doveva essere di grandezza assai superiore all’attuale se, in seguito, fu appunto Sigismondo a farla abbassare, servendosi del materiale di recupero per rinforzare le mura del castrum.

Nel corso dei secoli il perdurante uso a residenza privata ha portato a rivedere più volte gli interni. La Rocca attualmente è sede dell’Associazione Sigismondo Malatesta, costituita nel 1988 e presieduta dalla Principessa Marina Colonna, che ospiterà 24-26 Settembre 2015 il convegno su “L’epica dopo il moderno (1945-2015)” www.sigismondomalatesta.it

Oggi ci chiediamo di quanti e quali delitti si siano macchiati i Malatesta all’interno di tali possenti mura: ci sono molti indizi che l’amore tragico tra Paolo e Francesca si sia consumato in questo castello. Ne è convinta anche la principessa Marina Colonna che si ripromessa di fare delle ricerche negli archivi pontifici per trovare prove e documenti che confermino questa tesi.

Proviamo ad immaginare, se ciò venisse dimostrato, la Rocca Malatestiana di Santarcangelo diventerà meta di turisti che vorranno visitarla ogni giorno e sarà molto difficile mantenere l’attuale accesso il primo sabato e la prima domenica del mese..

Santarcangelo e i suoi ospiti non possono farne a meno della Rocca Malatestiana e se la città e le sue attività vorranno dare nuovo impulso al turismo, occorre che l’amministrazione comunale e le associazioni di categoria si attivino perché almeno una parte del castello sia accessibile.

Con la disponibilità che la principessa Marina Colonna ha sempre dimostrato, crediamo che voglia dividere la sua Rocca anche con coloro che apprezzano la storia dei Malatesta.

la Redazione

 

  Categories:
Vedi più

Articoli Autore

La Redazione
La Redazione

Vedi più articoli
Scrivi commento

0 Comments

Nessun commentro trovato

Commenta per primo.

Aggiungi commento

I vostri dati non verranno condivisi L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi .
Tutti i campi sono obbligatori.