Discarica di San Leo – I Socialisti: “No a qualsiasi intervento a Pian della Selva!”

Discarica di San Leo –  I Socialisti: “No a qualsiasi intervento a Pian della Selva!”
maggio 13 00:04 2015 Stampa articolo

Riceviamo e pubblichiamo:

I Socialisti riminesi e della Valmarecchia seguono con viva apprensione e motivata preoccupazione gli sviluppi del progetto di “IMPIANTO DI TRATTAMENTO E RECUPERO DI INERTI, DI DISCARICA DI INERTI E DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI” in località Pian della Selva che, se realizzato, potrebbe avere conseguenze negative sul Comune di San Leo e sull’intera vallata.

Il PSI è stato tra i primi ad attivarsi politicamente a livello nazionale tramite un’ interrogazione parlamentare dell’on. Pastorelli al Ministro dell’ambiente Galletti, per chiedere quali iniziative intenda intraprendere, per quanto di sua competenza, al fine di scongiurare la realizzazione dell’opera.
Lamentiamo invece una colpevole latitanza delle forze politiche locali, comprese le maggiori e quelle sempre pronte a cavalcare ogni protesta.

Prendiamo atto con soddisfazione che il Comune di San Leo, con un OdG approvato all’unanimità la scorsa settimana in consiglio comunale, si è espresso in maniera nettamente contraria ad ogni tipo di discarica in quella zona con motivazioni serie e circostanziate: il progetto originario approvato dal Comune , non prevedeva alcun tipo di discarica o impianto di smaltimento rifiuti a differenza di quello presentato in seguito dalla medesima ditta alla Provincia per l’approvazione.

Ringraziamo particolarmente il Comitato di cittadini che ha fatto emergere a livello di opinione pubblica il problema e per tutto quello che continua a fare. Occorre una grande mobilitazione perché ancora nulla è deciso e l’esito non scontato.

Alle istituzioni locali, Comuni ( San Leo in primis ), Provincia, Conferenza dei Servizi, chiediamo ora di fare il loro dovere facendosi interpreti della volontà della maggioranza dei cittadini della vallata e degli orientamenti politici emersi nella programmazione territoriale e provinciale.

Chiediamo al Comune di San Leo di evitare, qualunque sia l’esito della VIA ( valutazione di impatto ambientale) in corso, qualsiasi tipo di intervento su quel sito che non sia quello della completa rinaturalizzazione ambientale e paesaggistica.

Il PSI della Valmarecchia e della Provincia di Rimini esprime vicinanza e solidarietà alle popolazioni interessate: abbiamo sempre detto e scritto nei nostri programmi politici ed elettorali che se la Valmarecchia avrà un futuro sarà solo valorizzando le proprie peculiarità, paesaggistiche, storiche e ambientali e costruendo sempre maggiore unita e solidarietà tra la sua popolazione. Chiudiamo con le parole profetiche di un grande artista, di un visionario e vero abitante della Valmarecchia, Tonino Guerra “ La valle sarà più bella se sarete uniti “.

Il seg. del PSI provincia di Rimini Francesco Bragagni
Il seg. del PSI della Valmarecchia Fiorenzo Faini

  Categories:
Vedi più

Articoli Autore

La Redazione
La Redazione

Vedi più articoli
Scrivi commento

0 Comments

Nessun commentro trovato

Commenta per primo.

Aggiungi commento

I vostri dati non verranno condivisi L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi .
Tutti i campi sono obbligatori.