COMPLIMENTI AI DIRIGENTI DELLA SANITA’ ROMAGNOLA

gennaio 17 22:28 2015 Stampa articolo

Ne sanno una più del diavolo. Hanno lentamente depotenziato i reparti chirurgia degli Ospedali di Novafeltria e Santarcangelo non sostituendo i chirurghi che sono andati in pensione così di fatto hanno dimezzato le potenzialità di questi due ospedali.

Così per fare funzionare momentaneamente la chirurgia, hanno dovuto unire queste due team in uno unico, così questi operano 3 giorni a Santarcangelo e i restanti giorni della settimana a Novafeltria.

Per chi non conosce gli antefatti potrebbe dire bene così, ma in realtà si ammette che questi due raparti ospedalieri non sono più autosufficienti e venendo meno l’efficienza ed essendo in una fase di tagli, questi reparti sono già defunti.

Intanto i cittadini di dell’Alta Valmarecchia si mobilitano contro quelli della Bassa Valmarecchia e viceversa per difendere il proprio presidio, ma non capiscono che se non uniscono le forze in unica battaglia sono destinati a perdere, dove la strategia messa in essere dai dirigenti dell’AUSL consta nel “divide et impera”.

Nel frattempo la nostra classe politica sta alla finestra, salvo qualche sparata isolata sui giornali senza darsi una strategia comune dove l’Unione dei Comuni potrebbe essere la sede per coinvolgere il primo anello di congiunzione dei comuni dell’intera Valle Marecchia.

Convocare il consiglio dell’Unione in seduta pubblica su questo problema, potrebbe essere un primo atto . . .

la Redazione

  Categories:
Vedi più

Articoli Autore

La Redazione
La Redazione

Vedi più articoli
Scrivi commento

0 Comments

Nessun commentro trovato

Commenta per primo.

Aggiungi commento

I vostri dati non verranno condivisi L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi .
Tutti i campi sono obbligatori.